Lo specchio dei tempi.

La moda. Si è da poco conclusa la settimana della moda a Milano, con appassionati più o meno autorevoli a decretare e consacrare le nuove proposte degli stilisti. Ma esistono altri tipi di moda, che magari passano più inosservati o che si impongono nelle nostre scelte di vita quasi naturalmente, in silenzio. Sto parlando dell’arredamento, o meglio, delle finiture delle case. Pensate al pavimento che avete in casa, con quali criteri lo avete scelto? Se penso a decenni precedenti mi viene in mente che: negli anni 80 e primi 90 sembrava che non ci fosse nulla di più chic di un bel pavimento in marmo (così brillante da potercisi specchiare); negli anni 00 invece ci fu un grande ritorno dei toni caldi e delle ambientazioni rustiche come il cotto e i parquet scuri; nell’ultimo decennio invece si è stabilita una predilezione per i parquet dai toni freddi e nordici o naturali con richiami all’estremo oriente.

Ma i pavimenti, come gli arredamenti non sono un vestito che possiamo scartare a fine stagione; sono una presenza che ci segue negli anni, raccontando un po’ della nostra storia, le tendenze di un’epoca. Per questo motivo dobbiamo prendercene cura perché possano accompagnarci passo dopo passo per molti anni a seguire. Diamo loro l’attenzione che meritano.

nuncas-prodotti

Ne consegue la necessità di cure e attenzioni specifiche con prodotti mirati e realizzati ad hoc. Come Winto Marmo, Winto Parquet e Winto Cotto, i detergenti specifici di Nuncas che, grazie alle formulazioni delicate ma efficaci, assicurano un’igiene profonda, senza rimuovere i trattamenti protettivi o lucidanti applicati sui pavimenti in fase di posa.  Per una perfetta operazione di pulizia, non dimentichiamoci che, per evitare di segnare le superfici, dobbiamo prima aspirare bene lo sporco, per evitare che eventuali sassolini o briciole possano danneggiare i pavimenti. Basta poi versare il detergente specifico in un catino d’acqua, immergervi uno straccio e strizzarlo bene (in modo particolare se si sta per lavare il parquet) prima di appoggiarlo a terra.

Un’altra nozione importante, di quelle che piacciono a me perché dimezzano il “lavoro”: Winto Marmo, Winto Parquet e Winto Cotto non necessitano di alcun risciacquo! YEY! Se però, durante la settimana è passata da casa vostra la sagra del fritto o la corsa campestre nel fango, è consigliabile usarli puri e quindi risciacquare. Meglio un po’ di fatica in più che un pavimento sporco e incrostato, no?

Infine, grazie alla loro speciale formulazione possono essere utilizzati anche sulle finiture lucide o a cera con la massima tranquillità, senza il rischio di intaccarne la brillantezza ma anzi ravvivandone la luminosità. Perché, come accennato prima, le mode passano e anche gli anni ma a nessuno piace invecchiare, nemmeno ai pavimenti!

109